Gonalgia

10 Ott 2023 | Consigli, Traumatologia

La gonalgia, termine medico per indicare un più generico dolore al ginocchio, è un sintomo la cui causa può essere ricercata in una vasta gamma di condizioni e problematiche, come lesioni, traumi, infiammazioni e usura delle articolazioni.

La percezione che si ha del dolore dipende sempre dalle motivazioni sottostanti e può andare da lieve a debilitante, andando a interessare solo un ginocchio o essere bilaterale.

Sebbene per determinare la causa all’origine della gonalgia sia necessario consultare un medico, in questo articolo andremo ad approfondire l’argomento attraverso:

Cos’è la gonalgia

Il significato del termine gonalgia ci indica il fastidio, o un dolore localizzato nella zona del ginocchio. È un fenomeno molto comune che varia nella sua intensità: alcune persone potrebbero percepire un dolore molto leggero e temporaneo, magari dopo un sforzo e un lungo periodo di attività fisica, altri potrebbero essere affetti da dolori cronicizzati, che finiscono per debilitare la persona, limitandola nelle attività quotidiane.

La gonalgia viene percepita in maniera diversa per diverse cause, tra queste:

  • I fattori genetici
  • I fattori ambientali
  • Lo stile di vita

Gestire in maniera efficace questo disagio vuol dire fare una diagnosi precisa e un conseguente trattamento, che permetta di lenire il dolore e prevenirlo. Questo molte volte vuol dire fare dei sacrifici e dei cambiamenti nel proprio stile di vita al fine di evitare che la qualità della propria esistenza venga inficiata da un dolore cronico, difficile da far scomparire.

I sintomi della gonalgia

La gonalgia può prevedere tutta una serie di sintomi che vanno colpire l’intera zona del ginocchio. Tra i più comuni troviamo:

  • Dolore localizzato o diffuso al ginocchio. E un dolore che può andare da lieve all’intenso e manifestarsi come bruciore acuto o pulsante. Può capitare, inoltre, che la sua intensità vada ad aumentare a pari passo con l’attività fisica, o quando il ginocchio viene piegato.
  • Gonfiore. La gonalgia può essere accompagnata da un edema che porta un rigonfiamento della zona intorno al ginocchio. Questo gonfiore può essere visibile a occhio nudo, rendendo il movimento complesso e doloroso. In questi casi, il ginocchio potrebbe essere rigido, difficile da flettere.
  • Rumori all’interno del ginocchio. Questo tipo di condizione può portare la persona a percepire degli scricchiolii all’interno del ginocchio, soprattutto durante il movimento. Il motivo si può ricercare nell’usura della cartilagine.

Ricordiamo che i sintomi della gonalgia tendono a variare in base alla causa che la scaturisce e che ora andremo ad approfondire.

Cause della gonalgia

Possono essere diverse le cause che scatenano un dolore al ginocchio e quindi la gonalgia. Il trattamento dipenderà quindi sempre dalla causa sottostante punto tra le più comuni troviamo:

  • Artrite. L’osteoartrite e l’artrite reumatoide possono causare la gonalgia. Il motivo è da ricercare nell’infiammazione e nella degenerazione delle articolazioni.
  • Lesioni. Distorsioni, strappi o fratture sono tutte cause dietro alla gonalgia e avvengono dopo traumi o sforzi.
  • Borsite e tendinite. L’infiammazione delle borse sinoviali, utili ad ammortizzare e lubrificare le articolazioni, così come dei tendini, possono portare al dolore al ginocchio.
  • Condizioni legate alla crescita. Il dolore al ginocchio che si manifesta nei bambini e negli adolescenti potrebbe essere causato da condizioni come il morbo di Osgood-Schlatter, o la malattia di Sever.
  • Disturbi del femore e della rotula. Le sindromi del dolore femoro-rotuleo che avvengono, tra le molte cause, anche per problemi di allineamento o sforzo eccessivo, possono portare al dolore al ginocchio.
  • Uso eccessivo del ginocchio. Un sovraccarico dell’arto inferiore, così come l’utilizzo prolungato a causa di attività sportive o lavori che prevedono frequenti piegamenti, possono portare la persona a soffrire di gonalgia.
  • Patologie legate ai nervi. Problemi che vanno a coinvolgere i nervi del ginocchio, possono causare dolore. Un esempio ne sono la sindrome del tunnel tarsale, o la neuropatia periferica.
  • Problemi strutturali. Malformazioni, anomalie, come possono essere differenze nella lunghezza delle gambe e piedi piatti, possono andare a influenzare il movimento del ginocchio.
  • Infezioni e tumori. Tra le cause più gravi dietro alla gonalgia troviamo le infezioni del ginocchio e i tumori ossei o ai tessuti molli.

Quanto può durare la gonalgia

La durata della gonalgia varia in base alla causa sottostante, dalla gravità della stessa e dal tipo di trattamento ricevuto.

Se, infatti, parliamo di lesioni acute (distorsioni, o contusioni) la gonalgia può avere una durata che va da alcuni giorni fino ad alcune settimane. Al contrario, con una lesione cronica (osteoartrite, o artrite reumatoide), il dolore al ginocchio può proseguire anche per mesi. In questo preciso caso sarà il trattamento a fare la differenza nel migliorare la qualità della vita del paziente.

Davanti a tendiniti o a sovraccarichi, il dolore può essere continuo. In questo caso andrà praticato riposo e un periodo di fisioterapia in grado di aiutare nella riduzione del dolore e rendere più rapido il recupero.

Nei casi più gravi, come le già citate infezioni, o tumori, la durata del dolore dipende dalla gravità della condizione e come il paziente risponde al trattamento prescritto.

Come prevenire la gonalgia

La gonalgia si può prevenire andando a controllare la causa dietro a questo dolore, a partire dall’esercizio fisico che aiuta a mantenere una buona forza muscolare e una buona flessibilità delle ginocchia.

A fronte di questo è fondamentale non dimenticare mai di fare stretching, riscaldando i muscoli e preparando le articolazioni. Consigliamo anche un periodo di raffreddamento dopo l’allenamento per prevenire qualsiasi tipo di lesione.

L’utilizzo di scarpe adeguate, in base all’attività fisica che si deve fare, permette di ridurre lo stress sulle articolazioni, così come il mantenere un peso corporeo corretto in grado di ridurre la probabilità di dolore al ginocchio causata da condizioni come l’osteoartrite. Questo significa una dieta equilibrata e ricca di nutrienti, come calcio e vitamina D, per mantenere in salute le ossa.

Al fine di prevenire la gonalgia consigliamo anche di evitare l’iperflessione del ginocchio, che può mettere a rischio l’articolazione, la quale deve essere, il più possibile, protetta con fasce e ginocchiere.

La gonalgia può essere trattata in maniera corretta se si interviene in maniera tempestiva, andando a consultare il medico il prima possibile per ricevere una diagnosi corretta ed evitare che il problema peggiori o si cronicizzi.

Trattamenti per la gonalgia

A seconda della causa sottostante la gonalgia può e deve essere trattata in maniera diversa e specifica. Si può partire con trattamenti più blandi, come il semplice riposo, riducendo, o eliminando, alcune attività che comportano dolore, ma anche con l’applicazione del ghiaccio sulla zona affiancato all’uso di bendaggi compressivi intorno al ginocchio e l’elevazione della gamba per ridurre il gonfiore.

È il medico a dover prescrivere i FANS per ridurre il dolore e l’infiammazione, così come consigliare al paziente di intraprendere un percorso di fisioterapia con programma di esercizi specifici per il ginocchio, che aiuti a migliorare la forza muscolare, la flessibilità e la stabilità dell’articolazione.

I corticosteroidi, in alcuni casi, possono essere raccomandati al fine di ridurre l’infiammazione, così come i massaggi, la terapia con ultrasuoni o la terapia con laser possono tutti essere utilizzati per trattare il dolore al ginocchio.

Nei casi più gravi è necessario intervenire con la chirurgia, andando, ad esempio, a riparare il legamento o sostituire l’articolazione.

Richiedi un consulto

Nominativo*
Autorizzazione privacy*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.